Sei una guida o un operatore turistico? Clicca qui >

Grotta di San Giovanni d'Antro

Un viaggio dentro la montagna e la storia

Cosa c'è da sapere

86 gradini in pietra conducono all’ingresso della Grotta di San Giovanni d’Antro, stupenda per le sue concrezioni e per i 5400 metri esplorati di gallerie. La grotta è famosa anche per la sua storia, essendo conosciuta dall’uomo fin dal Neolitico, come testimoniano i reperti trovati al suo interno, e per essere stata dimora dell’Ursus Spelaeus, l’orso delle caverne, di cui sono visibili i resti di un esemplare. La grotta ha avuto un valore strategico in diverse epoche e un ruolo prezioso nel periodo delle invasioni barbariche, quando venne usata come rifugio dalla popolazione locale. L’antro di ingresso ospita una chiesa, costruita sotto la volta rocciosa. Chiesa e grotta sono visitabili attraverso visite guidate su prenotazione.

Perché visitarla

01.

Paesaggio affascinante

Le valli del Natisone sono un territorio affascinante, ricco sia culturalmente che naturalisticamente, e il percorso che conduce alla grotta attraversa colline, prati e diversi caratteristici borghi.

02.

La chiesetta

Salire i ripidi gradini, superare le mura e scoprire una chiesa costruita all’interno di una grotta è affascinante. Conoscerne la storia multi millenaria e scoprire i contributi lasciati dall’uomo nelle diverse epoche rende la visita ancora più emozionante.

03.

La visita alla grotta

Il percorso suggestivo che conduce alla scoperta della grotta è alla portata di tutti e la visita guidata permette di conoscere sia le peculiarità geologiche e carsiche che la storia millenaria di questo luogo.

La chiesetta nascosta

La chiesetta si trova all’ingresso della grotta. La costruzione originale risale al 1477 d.C., ma chiesa e cappella raccontano le vicende di molte altre epoche. Infatti, le Valli del Natisone sono una terra di confine, che ha ospitato popoli longobardi, sloveni ed italiani. La chiesetta testimonia questi avvicendamenti e riporta elementi artistici e architettonici medievali, tardogotici, neoclassici e barocchi. La cappella a volta e la chiesa dal soffitto di roccia sono molto suggestive ed è sorprendente scoprirle celate dalle opere murarie, anch’esse antichissime.

La grotta d'antro

CARATTERISTICHE DELLA GROTTA

Il percorso turistico-naturalistico si trova alle spalle dell’altare barocco di Bartolomeo Ortari e prosegue per 300 metri fino alla statua di una Madonnina. Il sentiero si snoda lungo una galleria carsica in cui si possono ammirare le colate calcitiche, passando anche per un piccolo laghetto.

I RESTI DELL’ORSO DELLE CAVERNE

All’inizio del percorso si trovano alcune teche espositive con reperti di varie epoche e i resti, ritrovati all’interno della grotta, di un Ursus Spelaeus, l’orso europeo delle caverne, di cui si può osservare anche una riproduzione a grandezza naturale.

LA VISITA GUIDATA

La visita guidata, della durata di un’ora, permette di conoscere la storia della grotta, della chiesa e delle vicende ad esse legate. La guida illustra al visitatore anche le caratteristiche geologiche del luogo e i fenomeni carsici che ne hanno portato alla formazione.

AVVERTENZE E CONSIGLI

La visita alla grotta non presenta alcuna difficoltà tecnica, ma il percorso può essere scivoloso nei tratti lastricati a causa dell’umidità. Sono necessarie calzature da ginnastica o da trekking. Il caschetto viene fornito all’ingresso.
La temperatura è costante di 11°. Si consiglia di indossare una felpa o una giacca.

Orari di apertura, visita guidata e prezzi

GIORNATE DI APERTURA
La Grotta d’Antro è visitabile dal 2 aprile all’8 dicembre. Nel restante periodo è possibile effettuare la visita esclusivamente su prenotazione, per un minimo di 5 partecipanti. La grotta è visitabile il sabato e la domenica; durante la settimana su prenotazione.
PREZZI
Il percorso turistico-naturalistico comprende chiesa e grotta. Il costo unitario della visita guidata è di 8 euro. Per la visita alla sola chiesa, dall’area di preghiera all’area espositiva, il costo è di 6 euro.
VISITE GUIDATE E PRENOTAZIONI
Le visite sono solo guidate e i posti limitati. È fortemente consigliata la prenotazione. Occasionalmente vengono organizzate delle visite speleologiche della durata di 4/5 ore in collaborazione con il gruppo speleologico Valli del Natisone.

arrivare e parcheggiare

Nel comune di Pulfero, superate le frazioni di Tarcetta ed Antro, proseguire tramite la strada asfaltata, comoda ma con qualche tornante, seguendo le indicazioni fino al piccolo parcheggio gratuito (circa 10 posti auto).  Lasciata l’auto, proseguire a piedi per 5 minuti fino alla biglietteria.

DOMANDE FREQUENTI

Non è possibile effettuare la visita con i cani, se non di taglia molto piccola, tenuti in braccio.

È fortemente sconsigliato presentarsi senza prenotazione in quanti i posti sono limitati e potrebbe non essere possibile effettuare la visita.

Assolutamente. Il percorso è facile e la gita è molto istruttiva.

Contatti visite guidate

Tramite questa sezione puoi contattare direttamente il centro visite. Ricordati che con questo form contatterai direttamente l’associazione dell’ecomuseo. Explorer FVG è solo un intermediario e non gestisce le risposte, né è responsabile delle informazioni scambiate in queste conversazioni.

Per informazioni:

Associazione Culturale e Socio Assistenziale “Tarcetta”
 Via Tarcetta, 96
33046, Pulfero (UD)

Invia un'e-mail

Condividi questa pagina con un amico