Lago Volaia

Tra le montagne, oltre il confine

Cosa c'è da sapere

Dal comune di Forni Avoltri si può raggiungere, con una camminata di poco meno di due ore, il lago Volaia. Il lago, di origine glaciale, si trova poco distante dal Passo Volaia, che lo supera in altezza di soli 26 metri. Il lago fa parte del territorio carinziano, ma trovandosi nell’immediato confine con l’Italia, è popolarmente considerato tra le bellezze friulane. In ogni caso, le sue acque limpide sono facilmente raggiungibili da Forni Avoltri, rivelandosi una meta perfetta per una gita all’aria aperta.

Perchè visitarlo

01.

Il paesaggio

Dal Passo Volaia, che segna il confine tra Italia e Austria, la vista si apre sullo spettacolare lago Volaia, che riflette nelle sue acque limpide le imponenti sagome del M. Coglians, dei M. di Volaia e della cima del Raauchofel.

02.

Le postazioni militari

La Trincea del Volaia, a poca distanza dal lago, è stata ripulita e recuperata e si possono vedere le gallerie circondate dal filo spinato, una postazione per cannone 32 mm e una per mitragliatrice e cannone da 42 mm.

03.

Impegnativo ma per tutti

La lunghezza del percorso dal rifugio Tolazzi è di 2,7 km, con un dislivello di 580 m. Il percorso, però, è semplice e non presenta difficoltà tecniche; in 1 h e 45 min conduce alle sponde del lago.

I 2 rifugi del Volaia

RIFUGIO LAMBERTENGHI-ROMANIN
(temporaneamente chiuso)

Arrivando dal versante italiano, poco prima di superare il Passo Volaia si incontra il rifugio Lambertenghi-Romanin che, purtroppo, è temporaneamente chiuso a causa di una ristrutturazione. Si spera che la sua meravigliosa terrazza panoramica possa riaccogliere gli escursionisti il prima possibile.

RIFUGIO WOLAYERSEE HUTTE

Facendo il giro del lago in senso antiorario, in una decina di minuti, si arriva al rifugio austriaco Wolayersee-Hütte, o Pichl Hütte, la cui vista sul lago è molto suggestiva. Il rifugio rappresenta un ottimo punto di ristoro dopo la lunga camminata.

Come arrivare: il percorso

PARCHEGGIO

Il parcheggio è quello del rifugio Tolazzi a Forni Avoltri. Alle spalle del rifugio sale la carrareccia che conduce al bivio tra i 2 sentieri: il primo porta al rif. Marinelli, il secondo al rif. Lambertenghi Romanin e al lago Volaia. Imboccare quest’ultimo.

STRADA FORESTALE

Dal bivio si può seguire la strada forestale fino al rifugio Lambertenghi Romanin. La strada sale con pendenza costante ed è adatta a persone meno esperte e poco allenate. Procedendo con calma il percorso è adatto a tutti.

SENTIERO CAI 144 (DIRETTO)

Questo percorso passa per il bosco, tagliando i tornanti della strada forestale. Il percorso è più breve e diretto ma la pendenza è più accentuata. La partenza del sentiero è segnalata a destra poco dopo il bivio per il lago Volaia.

ATTENZIONE:
Il percorso, sia tramite strada forestale che sentiero CAI, è in battuta di sole. Si consiglia di attrezzarsi con le opportune precauzioni.

Condividi questa pagina con un amico

Il contenuto di questa pagina è protetto dalla riproduzione e copia con un certificato digitale